Dante e l’Antipurgatorio – Corrado Gizzi

Dante-antipurgatorio

€ 45.00

Autore: Corrado Gizzi
Genere: Catalogo d’Arte
Formato: 21×29,7 cm
Edizione: 2010
Pagine: 172, con illustrazioni a colori
Collana: Arte
ISBN: 978 8888 302 92 8

Categoria: .

Descrizione prodotto

Il tema della mostra e del catalogo di quest’anno è Dante e l’Antipurgatorio; si tratta di un argomento davvero interessante perché permette di fare riflessioni sia sulla condotta morale dei personaggi che Dante sapientemente “dipinge” all’interno di una struttura quadripartita, sia sulla particolare interpretazione che lo scrittore fiorentino fornisce all’interno dei primi otto canti del Purgatorio.
All’interno dell’Antipurgatorio, infatti, troviamo la schiera degli scomunicati (che devono aspettare trenta volte il tempo in cui attesero a ravvedersi), quella dei pigri (fra cui Belacqua), quella dei peccatori morti violentemente (fra questi Jacopo del Cassero, Buon-conte da Montefeltro, Pia de’ Tolomei), e infine quella dei principi negligenti, raccolti in una valletta fiorita.
Nel canto III, il canto nel quale si presenta la schiera degli scomunicati, il rapporto tra Dante e Virgilio sembra leggermente incrinarsi: il maestro appare pensieroso, turbato, e non sa in che direzione procedere; mentre pensa al da farsi, viene incontro ai due poeti un gruppo di anime, che alla loro vista si fermano sbigottite; lo stupore aumenta alla scoperta che Dante è vivo. Ed è qui che emerge la figura di Manfredi di Svevia. Il suo spirito si stacca dalle altre anime e mostra le sue ferite. Ed è proprio la ferita (“e mostrommi una piaga a sommo ‘l petto”), questa esposizione di piaghe, che dal punto di vista narrativo suscita aspettativa nei confronti della sua identità, ma soprattutto crea attorno a Manfredi un alone di martirio, di sacrificio cristiano, che lo nobilita e lo purifica, soprattutto se teniamo conto del fatto che il re svevo morì sconfitto e scomunicato. Dante però, attraverso profonde e complesse ragioni, riabilita questa figura di mancato imperatore della cristianità, avvicinandolo simbolicamente al martire per eccellenza, il Cristo.
I primi otto canti del Purgatorio sono stati illustrati dagli artisti Tonino Caputo, Franco Cilia, Danilo Fusi, Impero Nigiani, Romano Notari e Gabrie Pittarello.

Presentazioni di: Giulio Andreotti, Gianni Chiodi, Nazario Pagano, Guerino Testa, Luigi Albore Mascia, Nicola Mattoscio, Alberto Di Giovanni, Giuseppe Santarelli, P. Ivo Laurentini.
Testi critici di: Corrado Gizzi, Marco Boni, Mario Marti, Walter Mauro, Michele Tamponi, Giorgio Varanini, Giorgio Di Genova, Ottaviano Giannangeli,  Vittorio Sgarbi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti registrati che hanno comprato questo prodotto possono lasciare una recensione.